Ricetta della pasta con la mollica: piatto tradizionale lucano che si mangia la vigilia di Natale

Oggi è la vigilia di Natale e non so da voi ma qui ci sono diverse tradizioni che ogni anno ancora si rispettano. In Basilicata, come immagino in ogni dove del sud, ogni festa è un’occasione per mangiare il triplo e riunirsi in famiglia, leggo su facebook di gente che c’è rotola e già ha mangiato quantità industriali di cibo, amici siamo ancora al 24 le feste sono appena iniziate, ce la potete fare a dire no a tutte quello che vi offrono i parenti, ce la dovete fare ^__^!!!

Tornando a noi oggi voglio proporvi un piatto tradizionale lucano, si tratta della “Pasta con la mollica” in dialetto “pasta con la mddeh“, che viene mangiato ad ogni vigilia di Natale.


La versione originale prevede un sugo di baccalà, ma io che non amo particolarmente l’odore ve la propongo in versione “light”. A me piace senza il pesce che copre troppo gli altri sapori che hanno invece un sapore dolciastro e molto particolare. Ci sono la cannella, la buccia di arancia, la frutta secca e l’uvetta che rendono questa pasta tipicamente invernale e natalizia.
La ricetta l’ho presa da un ricettario trovato per caso tra vecchie carte, non sapete che bella scoperta! Ogni tanto si trova qualcosa di bello e dal valore incommensurabile!

PASTA CON LA MOLLICA

TIPO DI PASTA:

tagliatelle meglio se caserecce.

CONDIMENTO:

Mollica di pane fritta in olio
Uva passa: malvasia
Fichi secchi
Mandorle (pelate, tostate e macinate)
Gherigli di noci(tritati)
Buccia di arancia
Cipolla(soffritta)
Zucchero e cannella oppure acciughe e sale

PER IL SUGO DI PESCE:

Anguilla o baccalà al pomodoro

PROCEDIMENTO

[Read more…]

Guida all’acquisto della prima agenda ad anelli – Che agenda compro per il 2017? #01 il Formato, il tessuto e gli anelli

Buongiorno ragazze, un altro anno è quasi finito e ed è arrivato il momento di scegliere una nuova agenda. Per me è ormai un rito che si ripete ogni 12 mesi: sceglierne una che mi accompagnerà per tutti e 365 i giorni.

guidaagende-3

Sono sempre stata un’utilizzatrice poco costante, appuntavo ogni tanto quello che mi serviva,alcuni mesi erano pieni e altri li lasciavo vuoti.  La vera passione è nata quando ho scoperto su facebook dei gruppi che parlavano di decorazione e di agende ad anelli, quest’ultime hanno decisamente cambiato in meglio la mia vita “creativa” .

Prima delle agende ad anelli avevo un’agenda annuale e diversi quaderni ognuno per ogni singola cosa, ma ovviamente questo metodo ha i suoi limiti, con le agende ad anelli invece posso tenere tutto ordinato(si fa per dire visto che sono la regina del caos!) e tutto in un unico posto.

guidaagendealtrrA-7

Da anima rinascimentale o “multipotenziale” quale sono ho trovato nell’agenda ad anelli divisa in sezioni una valida alleata per segnare tutte le mie idee, scrivere i progressi fatti in ogni progetto, tenere un diario giornaliero delle attività che devo fare. In più  ho scoperto che decorare l’agenda è un’altra delle attività creative che più mi piacciono e rilassano!

Da ormai due anni decoro la mia kikki-k personal ogni settimana, mai sono stata così costante in vita mia! Ma basta parlare della mia storia con le agende lasciatemi introdurre quella che è la mia nuova idea, vorrei condividere con voi quello che ho scoperto in questo anno di utilizzo  e darvi alcune dritte e consigli per l’acquisto della vostra prima agenda ad anelli.

guidaagende-1

Chi capita per la prima volta nel favoloso mondo delle agende ad anelli potrebbe rimanere spaesato per tutti i termini nuovi che trova, per  i formati ,per le marche, per i refill e quant’altro così ho pensato di fare un vademecum per chi si trova per la prima volta a scegliere un’agenda  e anche per chi le usa già e magari ha bisogno di chiarimenti o semplicemente vuole qualche informazione e ispirazione in più!

Se come me avete scoperto per caso i planner con gli anelli o su youtube(sta dilagando la moda un po’ come per le yankee candles) o su facebook (i gruppi più carini per me sono Cartopazze e Life in Planner) sarete per prima cosa un po’ disorientate, si sente parlare di formato personal, pocket, a5 ,a6 , filofax ,saffiano, washi, deco-tapes sticky notes…. si ma cosa sono??? Come fare ad orientarsi tra tutte queste parole nuove?

Così ho pensato di fare un vademecum per chi si trova per la prima volta a scegliere un’agenda ad anelli e anche per chi la usa già e magari ha bisogno di chiarimenti o semplicemente vuole qualche informazione e ispirazione in più!

Questa rubrica sarà divisa in più argomenti:

Quale agenda comprare?

-Il formato & il tessuto

-Le marche: filofax & kikkik, Webster’s pages, carpe diem, macaron

Dove comprare le agende ad anelli

-Come organizzare l’agenda (i metodi per fare il time planning)

Come decorare e personalizzare l’agenda

I divisori

I refill

Sticky notes, washi tapes & stickers

Negozi online dove acquistare materiale

Canali youtube dedicati alla decorazione delle agende

Per adesso questi argomenti sono solo una bozza e potrebbero cambiare nel corso del tempo, se avete altri argomenti da suggerirmi lasciatemi un commento.

Adesso passiamo alla prima domanda fondamentale che ognuno di noi si pone appena decide di comprare un’ agenda ad anelli ovvero

Quali sono i formati di un’agenda ad anelli ?

 

Esistono tre principali formati:

Pocket: il formato tascabile per eccellenza (dimensione dei fogli: 81mm x 120mm)

Personal, medium o A6 : il formato intermedio (dimensione dei fogli: 95mm x 171mm)

alcuni siti cinesi lo chiamano A6 ” erroneamente” perchè il foglio A6 per definizione è la metà di quello A5 quindi ha dimensioni diverse.

Large o A5: Più grande, i fogli sono la metà di un normale foglio a4 per la stampa  (dimensione dei fogli: 148mm x 210mm)

(in realtà c’è anche il formato a4 ma è davvero troppo grande quindi non lo prenderò in considerazione!)

Le dimensioni dell’agenda esterna variano a seconda della marca ma la dimensione dei fogli è pressoché la stessa, anche se la posizione dei fori sui fogli può variare.

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-12

Quale formato agenda fa per me?

Dipende fondamentalmente dall’uso che ne volete fare.

Per molte ragazze l’ideale è avere un’agenda personal o pocket da portare in borsa e una A5 “fissa” da tenere a casa.

Personalmente utilizzo una pocket che ho sempre con me per gli appunti al volo, una personal per il time planning e l’organizzazione settimanale e una A5 per scrivere tutto quello che riguarda  il blog e gli altri progetti che porto avanti nella mia vita da creativa.

Quello che dovete anche considerare è la grandezza degli anelli. Se avete bisogno di inserire molti fogli e volete avere tutto in un’unica agenda vi conviene sceglierne una con gli anelli piuttosto spessi come le filofax o le kikkik. Per le A5 invece la dimensione degli anelli fa variare molto anche l’ingombro dell’agenda: una macaron A5 ad esempio si riesce a portare in borsa tranquillamente mentre una carpe diem o una webster’s sono abbastanza cicciotte.

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-28 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-27 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-10 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-9

In definitiva da quale conviene iniziare?

Io vi consiglio di provare con una personal, rendervi conto se fa al caso vostro e poi eventualmente prenderne un’altra più grande o più piccola a seconda delle vostre esigenze. In realtà se scoprirete che questa per voi è una passione finirete per avere molto più di due sole agende :)

Ecco qui un po’ di prove fatte con le mie borse:

la pocket ci va quasi ovunque:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-5guida_acquisto_agenda_quale_comprare-6

Le personal anche nelle borse più piccole:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-7

La macaron anche nelle borse medie:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-4

Nelle borse grandi ci vanno anche le più ingombranti come le carpe diem e le Webster’s pages

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-3

Il materiale del binder:

Esistono due tipi di agende: quelle in pelle o simil-pelle e quelle in tessuto.

Quelle in pelle sono decisamente più resistenti e si inzozzano meno facilmente mentre quelle in tessuto hanno sicuramente il loro fascino ma diventano subito sporche . Personalmente preferisco le seconde e tendo ad utilizzare un astuccio per conservarle. Quello che vi mostro è di Laura del “Il tocco di Po” .

setup_agenda_kikkik-1

COME UTILIZZARE L’AGENDA?

Farò più in là un post più approfondito in merito per farvi vedere nei dettagli ma voglio darvi qualche spunto se siete a corto di idee per le sezioni oppure per creare delle agende dedicate ad un unico tema:

  • Time planning e organizzazione mensile e settimanale (potete guardare il mio video qui)
  • Progetti e idee 
  • Listography – con tutte le liste
  • Diario personale
  • Inspiration agenda – con ritagli dalle riviste, foto etc…
  • Organizzazione della casa – per le pulizie, la spesa, gli orari etc…
  • Menù settimanale e dieta
  • Lavoro – turni, cose da fare, cose da ricordare etc…
  • Fitness – Orari, workout, obbiettivi raggiunti…
  • Wishlist – cose da comprare e spese
  • Viaggi e travel pack – cosa mettere nella valigia, biglietti aerei e dei musei visitati, racconti e disegni di viaggio
  • Memory scrap – pezzi di vita con foto  e journaling
  • Bullet journal – con le pagine bianche o a quadratini guardate il metodo di Lucy Wonderland
  • Blog: post, collaborazioni e condivisioni sui social network date un’occhiata al mio blog planner
  • Kakebo e finanze – Spese,  uscite e entrate, challenge per risparmiare
  • Scuola e università – orari, compiti, cose da ripetere etc…
  • Conoscere se stessi – tag ai quali rispondere e percorsi di meditazione : seguo dei blog, siti o libri che hanno percorsi per conoscere se stessi e propongono di utilizzare un quaderno per appuntare queste ricerche: Personal musa, percorsi verso la dea interiore,  percorsi di meditazione di Deepak Chopra, Soul coaching di Denise Lynn
  • Salute – medicine, sintomi etc…
  • Make up & benessere – recensioni di prodotti usati, swatch di smalti etc…
  • Citazioni e pensieri 
  • Challenge e monthly goals – ci sono tantissime challenge come la #doodlechallenge #rockyourhandwritingchallenge #listersgottalist #planwithmechallenge su instagram ne trovate un sacco!
  • Ricette 
  • Giardino

E io come utilizzo le mie agende?

Sto utilizzando la kikki-k con i gattini per il time planning e l’organizzazione delle giornate:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-19 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-20

Ho la macaron A5 che utilizzo per il blog e i progetti:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-15 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-16 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-17

Ho la kikki-k medium live bright che utilizzo come diario personale.

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-22 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-23

Le altre agende che possiedo le ho utilizzate per gli anni passati o le uso come “archivio” con i fogli che non mi servono più.

La filofax butterfly è stata il mio diario per il 2015:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-24

La kikki-k lamia agenda time planning per il 2015:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-25 guida_acquisto_agenda_quale_comprare-26

E comunque ogni tanto cambio il binder e i divisori perché mi piace farlo un po’ come per le borse 😉 Ed è proprio così che dovete rispondere a chi vi dice:” e come le usi tutte quelle agende ???” E voi rispondete e allora tutte quelle scarpe, e tutte quelle borse? Non ve ne basta una? La risposta è semplice perché sono belle ^^

Ecco tutte le mie agende personal:

guida_acquisto_agenda_quale_comprare-21

Per oggi è tutto, nella prossima “puntata” vi parlerò delle marche più conosciute ed apprezzate.

Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete bisogno di qualche consiglio lasciatemi un commento!

 

 

 

Come decorare biscotti di Natale con la pasta di zucchero

C’è un odore di biscotti misto a cannella che evoca sempre il periodo di Natale. 
Così per ricreare l’atmosfera ho provato a preparare un po’ di biscottini e a decorarli con la pasta di zucchero.
I biscotti sembrano così semplici e invece ci vuole molta cura e attenzione,
 la ricetta giusta e le decorazioni adatte.
Non sono un’ esperta e i miei consigli sono quelli di una principiante, ma mi piace tantissimo sperimentare.

 

Curiosi di sapere la ricetta e di provare a decorare i biscotti in questo modo?
La ricetta per la base dei biscotti in pasta frolla è questa di cake mania.
A cui ho aggiunto un tuorlo e un po’ di cannella.
Per quanto riguarda invece la decorazione ho provato a fare degli
alberelli di natale con cioccolato e palline e delle stelline con l’agrifoglio,
da sempre uno dei simboli del Natale.
Non è affatto semplice per me poi che sono una perfezionista è difficile essere soddisfatta.
Però come primo esperimento è accettabile.

 

 

Partiamo dagli alberelli
Vi consiglio di acquistare i cutter in metallo perché con la plastica
è sempre più difficile tagliare la pasta come si deve.
Un altro consiglio che vi do è di scegliere una buona pasta di zucchero.
Come disse la maestra di cake designer, ad un corso a cui ho partecipato, esistono diversi tipi di pasta:
quella adatta per ricoprire e quella per le decorazioni.
Questa qui che ho utilizzato in teoria andava bene per tutto ma purtroppo era abbastanza difficile da modellare e stendere, come potete vedere anche nelle foto si attaccava un po’ sul tappetino in silicone che dovrebbe facilitare le operazioni cosa che invece non succedeva con la pasta acquistata direttamente in pasticceria.
Comunque procediamo,
Ho steso la pasta con un matterello utilizzando la pellicola per farla venire più liscia.
Ho preso lo stampo in plastica che avevo usato già per i biscotti.
Questo è della linea dolcemania di stamperia.
 Con il bisturino ho ritagliato i bordi che si erano ben separati
Piano piano ho tolto la formina dal tappetino e l’ho adagiata sull’alberello
Ho smussato i bordi della pasta.
Ho decorato con una siringa al cioccolato con moooolta pazienza e calma :)
Ho aggiunto le palline argentate
ed ecco qui il risultato!

 

e poi le stelline leggermente più complicate…
Ancora una volta ho steso la pasta.
Stavolta non ho usato lo stampo ma ho ritagliato la forma della stella direttamente sulla pasta adagiandoci sopra il biscotto.
Ho lentamente fatto aderire la pasta alla stellina.

 

Con questo strumento ho bucherellato il biscottino. Ha il bordo zigrinato. Ma va benissimo anche uno stuzzcadenti.

 

Ho aggiungo il mini agrifoglio facendo tre palline e le foglioline ritagliando con il bisturi.
Le foglioline le ho rifatte almeno 5-6 volte per ottenere un risultato accettabile.
ed ecco il risultato

 

Mi rendo conto che solo con le immagini non è semplicissimo capire come fare
 magari più in là quando sarò più brava e  avrò tempo farò un bel video tutorial :)
Comunque questi biscottini sono ottimi anche come idea regalo!
Se non avete troppo tempo a disposizione potete acquistare dei semplici biscotti in pasta frolla e decorarli con la pasta di zucchero, non saranno handmade al 100% ma saranno apprezzati ugualmente :) e poi è il pensiero che conta, o no?

 

 

Ricetta mini casette di pan di Zenzero – dolci di Natale

Buongiorno ragazze, oggi vi presento le mini casette di pan di zenzero :)
L’idea non è mia l’ho trovata navigando su pinterest un po’ di tempo fa
e ho voluto assolutamente rifarla.
Non è affatto semplice e vi consiglio di cimentarvi solo se avete un intero pomeriggio a disposizione
 e volete divertirvi con i bambini oppure semplicemente a decorare dolci :)Le casette di pan di zenzero sono un dolce tradizionale dei paesi del nord europa, credo che sia bellissimo passare del tempo insieme a creare dolci di Natale *_*
il profumo delle spezie, il calore della casa…
Vediamo insieme la ricetta
 
Ingredienti
Per circa 20 casette:
100g di farina
2 cucchiai di latte
1 tuorlo
1 cucchiaino di miele
50 g di burro
1 pizzico di lievito
(ma davvero un pizzico altrimenti le casette si gonfiano troppo!)
2 cucchiai di zucchero a velo o 25g di zucchero
(meglio lo zucchero a velo perchè lo zucchero classico tende a fare grumi)
zenzero, cannella e noce moscata a piacimento polverizzate.